Connect with us

Hot

I nuovi politici sono i ricconi di Internet? Sean Parker e’ pronto

Di Marcello Rubini – Un tempo erano gli imprenditori che, stufi del successo raggiunto con le loro imprese, si buttavano in politica. O magari lo facevano per pararsi il fondoschiena, dipende dai casi. Oggi invece il mondo è cambiato. I nuovi ricchi non sono più i semplici imprenditori ma coloro che si sono cimentati con il web e hanno creato realtà come Facebook o Napster. Questi, a loro volta un po’ annoiati dai loro miliardi, non sanno più come passare le loro vite. E allora abbiamo il re degli hacker, Kim Dotcom, che dopo aver visto chiudere il suo Mega Upload ha iniziato, oramai da anni, una battaglia personale contro Obama e il governo Usa.

L’ultimo riccone freak, figlio dell’era internet, che vuole entrare in politica oggi è il fondatore di Napster, Sean Parker. Sì, quello che semplicemente facendo togliere il “the” a Facebook ha incantato Zuckerberg ed è riuscito a entrare in società con lui.

Sean, che rappresenta la giusta via di mezzo tra il sex symbol e il nerd, vuole scendere in campo nella cosa pubblica in prima persona e diventare un collega a tutti gli effetti dei vari Rand Paul, Bill DeBlasio e Charlie Christ (che tra l’altro avrebbe già incontrato tutti, uno a uno). L’unico problema per Sean è che non sa ancora da che parte stare. Repubblicano o democratico? A naso si direbbe più probabile la seconda scelta.

In un articolo di salon.com a firma di Heather Digby, e ripreso da Dagospia, si legge: (Sean Parker) “Non ha aderito ad alcuna singola causa e nemmeno ad alcuna vaga filosofia politica. Una delle cose divertenti che derivano dall’essere miliardario è che, anche se non hai la minima idea di quello in cui credi o alcuna idea di come funzioni la macchina politica in teoria e nella pratica, puoi incontrare i giocatori e farti spiegare da loro le regole del gioco”.

Si legge ancora: “Ed è quel che ha fatto Parker, che ha incontrato politici dalle idee più diverse come Rand Paul, Bill DeBlasio e Charlie Christ. Sono certo che loro gli abbiano detto di chiamarli notte e giorno se avesse avuto qualche domanda. (…) Nel frattempo, un battaglione di opportunisti consulenti politici in arrivo da qualsiasi area dello spettro ideologico si prepara a fare un mucchio di soldi da questa romantica avventura. Ovunque Parker, classe 1979, decida di andare…”.

Fermi tutti, una cosa politica l’ha fatta: nel 2010 Parker ha versato 100 000 dollari in una campagna per la legalizzazione della marijuana in California.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Le migliori terme gratuite vicino Roma

Coolture

Arriva l’Osvego Gelato, il gelato dei Gentilini

Senza categoria

Connect