Connect with us

Hot

L’Italia fuma forte, in Spagna un club su quattro e’ italiano

Di Bruno Cortona – La fuga dei cervelli fumanti, qualcuno l’ha definita così. I dati dei “Club de Fumadores” spagnoli parlano chiaro, uno su quattro è italiano. Dei 400 “coffee shop” spagnoli, ben 100 sono italiani, il 25% una percentuale altissima di imprenditori nostrani. Svegli compaesani che hanno fiutato il business, hanno investito 40mila euro, questa la cifra per aprire un club, e ora sono proprietari di associazioni senza scopo di lucro (ufficialmente) dove forniscono ai soci hashish e marijuana a pagamento.

Uno dei posti in cui questi “coffee” alla spagnola proliferano è Barcellona, vera e propria colonia italiana con 25mila residenti. Arrivando si spera di trovare la nuova Amsterdam, ma in realtà è molto meglio. Innanzitutto per il clima, immaginate i “comfort” di Amsterdam con il mare e il caldo, questa è Barcellona da un anno a questa parte. L’unica scocciatura è che per diventare socio di un club bisogna farsi presentare. Ma con qualche amico di amico, o un po’ di ingegno e di savoir-faire all’italiana ci si riesce. A “barca” ormai ci sono più di 150 associazioni cannabiche, 200 nell’area metropolitana e 400 in tutta la Catalogna. Amsterdam, per fare un rapido confronto, ha 198 coffee shop. In Spagna il mercato è esploso. I club hanno iniziato a moltiplicarsi nel 2011, ma il fenomeno ha raggiunto l’apice nel 2013, con 100 nuove associazioni aperte in un anno.

senzi

Secondo El Pais, solo in Catalogna i club fatturerebbero cinque milioni di euro ogni mese. Il business dei club è nato nel periodo più nero della crisi catalana e l’economia ne ha beneficiato:  il numero dei turisti è in crescita costante. A Barcellona hanno investito sui social club anche colossi della cannabis, come gli olandesi di “Green House”. Posti ormai diventati come coffee di Amsterdam, in pieno centro e alla moda, con Ipad, mega-schermi e hostess svedesi. Ci sono anche però i club meno commerciali, che vendono cannabis solo ai residenti senza sovrapprezzo. Adesso però il business si è bruscamente interrotto, causa la pressione dell’opinione pubblica sulle autorità.

Nel giugno scorso infatti, il Comune di Barcellona ha dichiarato guerra ai club e ha sospeso per un anno la possibilità di aprirne di nuovi. Da allora il business più redditizio in città è diventato coltivare cannabis per soddisfare la domanda crescente dei club. Per contrastare questo fenomeno la guerra è continuata. I Mossos d’Esquadra, i poliziotti catalani, hanno chiuso 25 club negli ultimi mesi. E pensare che fino a poco tempo fa era molto facile aprirne uno: non c’era neanche bisogno di una licenza comunale, bastava la comunicazione al Municipio di inizio attività. Bastava quello e meno di 40mila euro. Ormai è tardi.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect