Connect with us

Roma

Vendesi sampietrini di Piazza Venezia

Quando si dice “s’è venduto pure le mutande”. Le mutande di una città, il bene primario per estetica e pratica, sono le strade, per Roma i sampietrini. Adesso la città non li vuole più, e quindi li vende. Indovinate a chi? A chi già si è comprato mezza Roma: i cinesi.

“Ci stiamo vendendo i sampietrini ai cinesi”, anche a ripeterlo mille volte suonerà male. Eppure Marino è convinto, via gli storici “serci” dalle strade di passaggio. Prima si pensava a via Nazionale, adesso a Piazza Venezia. Costi alti di manutenzione, pericolosità e troppo rumore. Questi i motivi della proposta. Un progetto che si autofinanzierebbe, pagando i lavori vendendo gli stessi sampietrini. In pratica la ditta che interviene acquista i sampietrini per farne ciò che vuole, anche souvenir. Il comune non sgancia una lira, e la ditta si vende i 170 mila metri quadri della piazza, un business non da poco.

I primi a farsi avanti sono stati i cinesi. In Cina impazziscono per Roma e la sua storia, più di una ditta ha carpito l’affare e si è fatta avanti per accaparrarsi i lavori e i sampietrini. Non tutti i sampietrini fortunatamente, una parte verrebbe riutilizzata nelle isole pedonali del centro storico. Anche nella stessa Piazza Venezia rimarrebbe una cornice di sampietrini per ricordare il passato.

Sembra impossibile, eppure il sindaco e’ deciso: “Le strade ad alta viabilità e percorrenza come via Nazionale ritengo che non abbiano bisogno dei sampietrini mentre questi sono un carattere distintivo di aree pedonali come piazza Navona, piazza del Pantheon e via dei Fori Imperiali. Le aree pedonali devono essere preservate anche con la cura dei sampietrini, le aree ad alta percorrenza, dove passano mezzi pesanti, quelle probabilmente devono essere asfaltate”.

Dobbiamo abituarci dunque a una Piazza Venezia totalmente diversa, niente più sampietrini ma asfalto fonoassorbente, quello fatto di copertoni riciclati per capirci. Una bella consolazione. Marino ci proverà, le Sovrintendenze diranno se può. E Roma si divide in due, nostalgici e progressisti. Cinque anni fa, per via Nazionale, vinsero i conservatori. Nel ’68 li tolsero a Parigi, e la città non fu più la stessa. Speriamo che Roma non commetta lo stesso errore.

Comments

comments

1 Comment

1 Comment

  1. Vittorio

    30 Dicembre 2014 at 11:13

    Passo per piazza Venezia e via IV Novembre tutti i santi giorni per andare al lavoro. Mi sposto in moto con qualsiasi condizione atmosferica e ho perso il conto delle volte in cui ho rischiato la vita (o anche “solo” di fare danni alla moto) a causa del pessimo stato di manutenzione dei sampietrini.

    Sono una pavimentazione bellissima, storica e parte del patrimonio della mia città, ma anacronistici, pericolosi e inadeguati ai mezzi che li percorrono nel terzo millennio. Soprattutto, nelle condizioni in cui versano attualmente, non sono un bel biglietto da visita della Capitale, ma l’immagine del suo degrado.

    Non sono certo un simpatizzante del sindaco Marino (anzi!), ma questa è la proposta migliore che gli ho sentito fare da quando è stato eletto, e spero davvero che riesca a condurla in porto, in breve tempo e senza demagogici e inutili ostruzionismi.

Leave a Reply

Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Svelato il mistero dei cartelli “Cercasi scambisti”

Roma

A Roma ci si può muovere anche in treno, ma nessuno lo sa

Hot

Connect