Connect with us

Sport

Imbiancata la scalinata dello scudetto 1983, Trastevere insorge

Di Nardino Previdi – Erano lì da più di 30 anni, uno dei simboli della storia della Roma. I gradini colorati di giallo e rosso, visibili fin da viale Trastevere, ricordavano a tutti i passanti il secondo scudetto della “magica”. Erano stati pittati la prima volta proprio dopo il campionato 1983, quello di Bruno Conti e Falcao, e di nuovo nel 2001, per celebrare le «gesta» di Totti e Batistuta. Adesso non ci sono più, e la scalinata è diventata una delle tante che si vedono a Roma.

Gli abitanti di viale Glorioso, via Dandolo, Trastevere, gli studenti del Kennedy, i clienti di Porta Portese, li conoscevano tutti quegli scalini, ci erano ormai abituati e li guardavano con piacere. Quelli romanisti, ovviamente. Un motivo di soddisfazione quotidiana, quasi un senso d’appartenenza. Qualche giorno fa è cambiato tutto, sono arrivati degli operai e hanno imbiancato tutto, niente più colori, niente più ricordi, niente più storia. L’Ufficio decoro del Comune ha infatti inviato in viale Glorioso due squadre di uomini armati di spazzole e pittura bianca che, nel giro di poche ore, hanno cambiato look alla gradinata. Il marmo è tornato come prima, ma la gente è triste.

I trasteverini non solo non sono contenti, ma ce l’hanno col comune che ha ordinato la cancellazione, come scrive il Corriere della Sera. In zona i “no” sono in netta maggioranza. “So’ soldi buttati, era molto mejo prima. Vuoi mette’ questo bianco freddo, quasi mortuario degli scalini, con il giallo e rosso, i colori più belli der monno?”, urla un cinquantenne in un bar della zona. “Al Campidoglio comannano i laziali, so’ stati loro a decidere di ripittalla”, replica un ragazzo trasteverino. Chi commenta con più pacatezza esclama giustamente: “Non sempre un restauro è positivo. In questo caso l’intervento ha tolto un po’ di anima al quartiere”.

E come dargli torto, a tutta questa gente che, indipendentemente dalla fede calcistica, si è vista sottrarre un pezzo di storia della città. Erano diventati una meta di pellegrinaggio e turismo quegli scalini. Frammenti di vita, pezzi di memoria cittadina. Un po’ più in là, in fondo a viale Glorioso, Sergio Leone trascorse la sua giovinezza. E c’è una scritta, una sua frase, che forse racchiude più di tutto come si sente la gente che a queste strade appartiene da generazioni, e che ormai quegli scalini li vedeva solo di quei colori. “Il mio modo di vedere le cose talvolta è ingenuo, un po’ infantile, ma sincero. Come i bambini della scalinata di Viale Glorioso” queste le parole del grande regista, che visse nel quartiere ai tempi del primo scudetto romanista, nel 1942. A quei tempi non si usava pittare gli scalini, ma il senso di appartenenza era lo stesso.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Le migliori terme gratuite vicino Roma

Coolture

15 anni fa usciva Tre Metri sopra il Cielo

Coolture

Connect