Connect with us

Hot

Un italiano su sette e’ alcolizzato

Sono più di 8,5 milioni gli italiani che consumano alcol in modo eccessivo per la propria salute. Non sono da considerarsi alcolizzati, ma grandi bevitori. E chi beve di più sono gli adolescenti, tra gli 11 e i 17 anni, che non dovrebbero proprio poter comprare alcol, i giovani tra i 18 e i 24 anni, che nel weekend si devastano, e gli anziani tra i 65 e i 74, che hanno un consumo costante e giornaliero fuori dalla norma. A Roma l’85% dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni beve alcol nel fine settimana. Questi i dati che emergono dalla relazione sull’alcol che il ministero della Salute ha portato in Parlamento. Dati che raccontano di un paese a cui piace bere, e a cui piace ubriacarsi, anche se rispetto all’Europa siamo tranquilli.

In Italia si beve sempre di più, e sempre più fuori pasto.  Negli ultimi 10 anni nel nostro paese c’è stato un progressivo cambiamento dei comportamenti di consumo di alcol. Si beve sempre meno vino durante i pasti di ogni giorno, che persiste tra adulti e anziani, mentre si consolida il consumo occasionale e fuori pasto, soprattutto tra i giovani. Continua ad essere una criticità il fenomeno del ‘binge drinking’, le abbuffate di alcol, soprattutto tra i più giovani.

Nel 2013 ha consumato almeno una bevanda alcolica il 63,9% degli italiani, pari a 34,6 milioni di persone, e il consumo fuori pasto ha riguardato 14 milioni di persone. Bevono quotidianamente circa 12,3 milioni di persone. Tuttavia non manca una nota positiva: in Europa l’Italia è tra i paesi con i più bassi consumi. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), aggiornati al 2010, il consumo medio pro capite di alcol puro in Italia è stato di 6,10 litri nella popolazione al di sopra dei 15 anni, valore vicino a quello raccomandato dall’Oms in Europa per il 2015, che è di 6 litri l’anno.

L’Italia è tra i Paesi in Europa dove si beve meno alcol, con un consumo pro capite annuo di 6,10 litri. Negli ultimi 10 anni è calato il numero di consumatori totali e giornalieri, mentre sono aumentati quelli occasionali, in particolare tra i giovani. Tra il 2003 e 2013 c’è stata una riduzione dei comportamenti a rischio, che però sembra essersi fermata nell’ultimo anno.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Connect