Connect with us

Hot

Il romano a Fregene

Di Giulio Turcato – Domenica, ore 11, la sveglia dell’iPhone di Emanuele suona sul comodino. Sta più di là che di qua dopo i 7 Moscow Mule che si è scolato ieri sera al Bar della Pace, vorrebbe non alzarsi mai ma appena sente il rumore si ricorda la promessa terribile e poco saggia che ha fatto a Ludovica : il pranzetto a Fregene.

Risorge al volo e si butta in doccia. Per l’occasione inaugura la nuova camicia di lino che gli ha comprato la madre da Boggi, bermuda Gap e immancabile mocassino Timberland con il fantasmino che non si vede. Chiavi della Smart della sorella (perchè al villaggio dei pescatori non c’è mai parcheggio) e poi via verso casa di “Ludo”, che l’ha già chiamato 8 volte più ansiosa di una suora incinta. Una di queste era per chiedergli se si era ricordato il giorno prima di prenotare il ristorante, la risposta è stata si, la verità è che lo chiamerà in macchina andando da lei implorando di trovargli un tavolo per due.

Nel frattempo Andrea dorme ancora nel suo attico di via Panama, il programma è pranzone con 20 amici al Riva, tutto vino bianco e pesce, prima del gran finale: il tavolo al Janga. Una giornata che vale più o meno lo stipendio del suo professore del liceo. Ieri sera a Ponte Milvio si è fatto esplodere, anche se sapeva che oggi era il giorno del pranzo+super festone a Fregene. Tutti e 20 gli amici lo stanno aspettando a Piazza Euclide, ma lui è in fase rem. Servono 16 chiamate e 25 Whatsapp a svegliarlo.

Intanto Emanuele è arrivato da Ludo, lei dopo venti minuti d’orologio scende col vestitino trasparente che ha comprato da Zara lo scorso weekend con la mamma e il costume nuovo di Oysho. Prima di partire lei deve fermarsi a comprare “un paio di cose”: la crema protettiva, otto riviste che non leggerà mai, un cappellino per coprirsi la testa, una bottiglia d’acqua, la cover antisabbia per l’iPhone, addirittura un paio di occhiali.

Emanuele e Ludovica hanno davanti la classica domenica da coppietta a Fregene, una domenica molto diversa da quella di Andrea, che va a Fregene a sfondarsi di alcol e cibo con il gruppo e qualche cagna amica sua. In comune hanno un terribile e insormontabile ostacolo: il traffico dell’Aurelia. Imboccata la consolare da 10 minuti, Ludo ha già postato 3 selfie su Facebook. (#pranzettoaFregene #domenicaalmare #IloveFregene), tutto questo mentre Andrea sta ancora a casa, basta un Oki ed è un uomo nuovo, a quel punto può entrare in modalità Fregene: maglietta Ralph Lauren, costume Vilebrequin e Adidas Gazzelle.

A Piazza Euclide le Audi e le Mini degli amici tutti “linati” sono già accese. Lui sale e dopo qualche insulto ricevuto, nonostante l’Oki, dieci minuti di sonno se li fa. “Oh, rimastino siamo arrivati”. Si risveglia nel parcheggio del Riva, che per punizione dovrà pagare lui (altri 5 euro). Arriva a pranzo e inizia a ordinare astice su astice, aspettando solo che arrivino le cinque, per riscoppiarsi al SunTribe.

Ema e Ludo invece dopo il pranzetto e un po’ di relax al mare stanno facendo merenda con le zoccolette dell’Archetto. Stanno per ripartire quando sentono un musicone in lontananza, incuriositi si avvicinano e scoprono che al Janga Beach c’è il mondo, sembra un festone californiano, tutti in costume a bere e ballare come se non ci fosse un domani. Chiedono cosa sia a un ragazzo: “Oh ma che non lo sapete? Oggi suona Steve Aoki, quello di Turbulence, quello che tira le torte in faccia!”. Emanuele sta già entrando, ma Ludo rompe il cazzo come al solito: “Ma dai Ema, ci saranno solo cani in pista, sarà il solito rave che faranno chiudere dopo 2 ore”. Niente da fare, lui ha già preso i biglietti, entrano e Ludo, per la prima volta da mesi, si azzittisce.

Steve Aoki al Janga Beach, l’unica cosa che Emanuele e Ludovica hanno in comune con Andrea oltre il traffico sull’Aurelia. Il panorama è del tutto inaspettato, altro che rave, un evento super organizzato, tutto pulito, spazio per muoversi. Installazioni, luci, buttafuori, niente fila al bar, niente ressa ai bagni, gente per bene e non “i soliti cani”. L’unico sopra le righe è proprio Andrea, che dopo un’ora e mezzo un cane c’è diventato, sta lì nel privè a sbracciarsi col braccialetto in bella mostra e la boccia in mano.

Ludovica si scioglie, era la classica domenica triste a Fregene, aveva anche pensato a lasciarlo, e invece Steve Aoki ha salvato capra e cavoli. I due iniziano a bere e a ballare, conoscono mille persone, lui la prende sulle spalle e lei urla a squarciagola. Una serata pazzesca. Si fermano solo a mezzanotte quando Aoki stacca tutto, l’unico che ancora balla urlando “Ultimo!Ultimo!” è proprio Andrea, che dopo aver sbocciato Grey Goose per tutto il giorno non vuole andare via. “Un seratone pazzesco” queste le uniche parole che riesce a sbofonchiare a ripetizione in macchina tornando a Roma. Ema e Ludo, dopo uno spuntino a base di sfilacci di pollo al Jolly Roger, si sono rimessi in marcia verso Roma e sono andati a casa a “consumare” le loro ultime energie. L’estate e’ cominciata.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect