Junk

Delirio dopo la festa? Arriva l’orso “lavatore”

Delirio dopo la festa? Arriva l’orso “lavatore”

Di Richard Steiff – ”Vi svegliate il giorno dopo un festone e non sapete come fare a mettere a posto tutto? Lasciate fare a noi!”. E’ questo lo slogan di Tidybear, la prima azienda specializzata nelle pulizie del giorno dopo. Si, avete capito bene, pulizie dopo il delirio delle feste del giorno prima.

In pratica li contatti e arriva in fretta e furia un orsetto “lavatore” con il grembiule che viene a pulirti casa dal casino del festone della sera prima. Ed è proprio l’orsetto la mascotte della start-up progettata da Antoine, Thomas e Valentin, tre ragazzi che sanno bene cosa significhi trovarsi a sistemare dopo una serata brava: “Al risveglio dalle serate avremmo tanto voluto qualcuno che ci aiutasse! Da qui è nata l’idea di organizzare un servizio a domicilio”, spiegano.

Come funziona? Che si tratti di un festone di compleanno, una laurea, una braciolata molesta, una festa di addio, basta mandare (prima di collassare) qualche informazione al sito, come il tipo di superfici o l’eventuale presenza di animali in casa. Così l’orso esperto del pulito potrà affrontare con i prodotti giusti i pavimenti resi appiccicosi da alcol, bibite e sbratto, rimuovendo montagne di piatti e bicchieri da lavare, rifiuti, posacenere traboccanti e bottiglie sparse. Basti pensare che in meno di un anno dal lancio a Parigi, l’orsetto lavatore ha ripulito più di 280 appartamenti salvati (compresi una trentina di servizi igienici otturati) l’orso ha contato di aver riciclato oltre cinquemila bottiglie.

I feedback non possono che essere positivi: “Trovare due ragazzi alla porta per fare le pulizie il giorno dopo la festa mi è sembrato incredibile come vedere degli unicorni in cielo!”, scrive Laurène. L’équipe riparatrice di notti brave ha convinto anche l’occhio severo della mamma di famiglia Catherine, che commenta: ”Sono stati coraggiosi e impeccabili”. Per questo Tidybear dopo Parigi promette di espandersi a Nantes, Lille, Strasburgo, Bordeaux e, potenzialmente, ovunque si faccia festa.

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.