Coolture

Poesia sulla fondazione di Roma

Poesia sulla fondazione di Roma

La splendida poesia in rima di Cesare Pascarella sulla fondazione di Roma.

I

Quelli? Ma quelli, amico, ereno gente

Che prima de fa’ un passo ce pensaveno.

Dunque, si er posto nun era eccellente,

Che te credi che ce la fabbricaveno?

A queli tempi lì nun c’era gnente;

Dunque, me capirai, la cominciaveno:

Qualunque posto j’era indiferente,

La poteveno fa’ dovunque annaveno.

La poteveno fa’ pure a Milano,

O in qualunqu’antro sito de lì intorno,

Magara più vicino o più lontano.

Poteveno; ma intanto la morale

Fu che Roma, si te la fabbricorno,

La fabbricorno qui. Ma è naturale.

II

Qui ci aveveno tutto: la pianura,

Li monti, la campagna, l’acqua, er vino…

Tutto! Volevi annà’ in villeggiatura?

Ecchete Arbano, Tivoli, Marino.

Te piace er mare? Sòrti de le mura,

Co’ du ‘zompi te trovi a Fiumicino.

Te piace de sfoggià’ in architettura?

Ecco la puzzolana e er travertino.

Qui er fiume pe’ potécce fa’ li ponti,

Qui l’acqua pe’ poté’ fa’ le fontane,

Qui Ripetta, Trastevere, li Monti…

Tutte località predestinate

A diventà’ nell’epoche lontane

Tutto quello che poi so’ diventate.

III

E lui che già ce stava a la vedetta

Pe’ fabbricalla, nun vedeva l’ora

De comincià’. Si qui nun se lavora,

Lui pensava, ‘n antr’anno che s’aspetta,

Se la potemo pure tené’ stretta;

Viè’ quarche e forestiere da defora,

Vede er posto, se sa, se n’innamora

E, ar solito, ce fa la cavalletta.

E bada, dico, sai, che nun sia mai

Roma l’avesse fatta un forestiere,

Pe’ noi sarebbe stato brutto assai.

Tu ce ridi? Ma intanto er padre Enea,

Ch’era er padre de tutti li trojani,

Nun venne a sbarcà’ qui co’ quel’idea?

IV

Si venne a sbarcà’ qui, su la spianata

De Civita la vigna co’ Didone,

Che sarebbe Didone abbandonata,

Quel era er suo perché de la ragione?

Era che lui ci aveva l’ambizione,

Na vorta che l’avesse fabbricata,

De poté’ di’ davanti a la nazione:

Roma? So’ stato io che l’ho fondata!

E come ce rivò ce mésse mano;

Ma, nun pratico, vecchio, sbajò er sito,

E se perse la strada sotto Arbano.

E così ce rimase co’ la voja.

E vedi che fu tanto invelenito

Che agnede fora e diede foco a Troja.

 

da Storia Nostra di Cesare Pascarella

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.