Connect with us

Hot

Romanordismi: il viaggio mistico

Di Giuseppe Valadier – Vittoria Sofia è dei Parioli, papà chirurgo, mamma figlia di una famiglia di costruttori, l’unico lavoro che ha fatto la madre in vita sua è stata la curatrice della mostra di una sua amica francese alcolizzata.

Più o meno come la figlia, che dopo le suore alle elementari e medie, e il 78 al Mameli ha cominciato Studi Orientali a piazza Vittorio, ha imparato il cinese in quelli che dovevano essere 5 anni ma sono diventati 8 tra viaggi intercontinentali con il ragazzo di turno (Giappone, Australia, New York), canne fuori dagli speakeasy, compleanni noiosi dei suoi amici pariolini del liceo e ogni tanto l’md ai festoni di musica elettronica. Ora ha 27 anni e di lavorare ha meno voglia della madre, non vuole però fare la parte della mantenuta e farsi dare la classica casa di proprietà per affittare su Air Bnb.

In più Giulio l’ha lasciata da un mese e c’ha ancora in testa quel film di Sean Penn che ha visto da una sua amica a Capalbio di cui non si ricorda mai il nome (“In the Wild? In Wild West? Com’era?”). L’altra sera facendo una canna sulla mansarda di Camilla a viale Bruno Buozzi le è venuta l’illuminazione: vuole andare in India a “scoprire se stessa”. Subito si è messa in moto e la madre, ex finta sessantottina, gliel’ha appoggiato subito e ha sentito il suo amico prete della parrocchia di piazza Ungheria per mandarla in un posto sicuro a fare volontariato. Giro due mesi e dopo diverse cene di addio agli amici tra Zuma con le amiche parioline, al ristorante cinese di Sonia con quelle dell’uni e Il Caminetto con i genitori, il grande giorno è arrivato.

L’accompagnano i suoi con l’ML grigia fiammante del padre, appena li saluta scatta subito il selfie “presso Aeroporto Intercontinentale Leonardo da Vinci”, didascalia: “a presto Roma, ma non troppo (emoticon sfigata)”. Pioggia di like e di commenti con domande le cui risposte servono solo a trovare un argomento di cui parlare al prossimo aperitivo al Jarro. I commenti sui gruppi Whatsapp si sprecano: “È una radical chic”, “so tutti boni coi soldi dei palazzi”, “non dura più di 2 mesi”. Tutte verità. E infatti la povera Vittoria Sofia dopo 10 giorni passati a cucinare per orfani indiani e pubblicare circa 20 foto al giorno su Facebook, crolla e decide che il viaggio va proseguito da sola.

Un mese e mezzo scarso in cui le avventure da InterRail non durano più di 2 giorni per poi lasciare spazio ai grandi alberghi indiani con colazione a buffet e wi-fi, tanto con i bonifici di mamma e papà potrebbe anche comprarseli i grandi alberghi. Dopo due mesi, tre cellulari rubati, una carta di credito persa, 7000 euro spesi e 650 foto pubblicate, torna ai Parioli per seguire il suo destino, la sua vera vocazione scoperta in una spiaggia di Goa davanti a un tramonto: disegnare costumi da bagno. Il tutto, ovviamente, con i soldi della casa su Air Bnb.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Le migliori terme gratuite vicino Roma

Coolture

15 anni fa usciva Tre Metri sopra il Cielo

Coolture

Connect