Coolture

Arriva “Generazione Diabolika”, il documentario sugli anni d’oro del Diabolika (VIDEO)

Arriva “Generazione Diabolika”, il documentario sugli anni d’oro del Diabolika (VIDEO)

Di Bruno Cortona – “E daje, daje, daje, e bombe, bombe, bombe”. Un mantra, un cult, un ricordo, una filosofia di vita. Quella dei ragazzacci del Diabolika, che a cavallo degli anni 2000 dal tempio del NRG di Ciampino sono arrivati a dettare legge in tutta Europa.

In tutti i locali dello stivale, dal Cocoricò al Red Zone, non volevano David Guetta, Steve Aoki o Bob Sinclair. Facevano la fila per avere Dj Emix, D. Lewis, Emanuele Inglese, Paolo Bolognesi alla console, raccontati dalle voci demoniache di Vladimir Luxuria, Henry Pass e del compianto Lou Bellucci.

Ed è anche in ricordo di Lou Bellucci che è stato realizzato il documentario “Generazione Diabolika” il cui trailer uscirà il 15 settembre 2018, a un anno esatto dalla scomparsa del famosissimo vocalist di quella generazione di matti che di musica ne sapevano più di chiunque altro.

“Generazione Diabolika” è un lungometraggio che parte dal racconto del Muccassassina e della nightlife romana di fine anni ’90, passando dall’incontro tra Vladimir Luxuria ed Emanuele Inglese, arrivando a Scandalo, fino al Diabolika, il party romano più invidiato d’Italia. Un party scomodo, sopra le righe e sconvolgente per chi non era del giro. Basta pensare che Henry Pass apriva la serata con frasi del genere: “Bambini dal pisello d’oro, bambine dalla fichetta depilata. E’ giunta l’ora di fare il bagnetto!”. Non proprio un incipit politically correct.

Il periodo d’oro della house italiana e in particolare romana, con tracce indimenticabili come Scariche Cosmiche, Elicottero Mejo, The Drill e Supa Disco. Un periodo che ha segnato un’intera generazione. Ne parlammo 4 anni fa in un articolo nostalgico, adesso arriva a raccontarlo “Generazione Diabolika”.
 
 
Il film è stato girato tra settembre 2017 e febbraio 2018 ed è stato prodotto da Giuseppe Di Renzo, Gianmarco Capri e Silvio Laccetti. Scritto e diretto da Silvio Laccetti. Alla produzione hanno lavorato tutti professionisti under 30.

L’obiettivo, oltre il ricordo del mitico Lou Bellucci, è quello di far rivivere quei momenti alle decine di migliaia di (ex) ragazzi che ci hanno passato anni. Stavolta però non ci saranno le ambulanze fuori.

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.