Hot

La nuova moda romana: la frutta e verdura a domicilio

La nuova moda romana: la frutta e verdura a domicilio

Un tempo potevi ordinare a domicilio solo la pizza, adesso è tutto delivery: pasta, sushi, cinese, hamburger. E non solo cibo, anche l’alcol, il ghiaccio, le sigarette, i vestiti, gli aggeggi tecnologici su Amazon.

Nella maggior parte dei casi, soprattutto per quanto riguarda il cibo, il delivery è collegato alle schifezze, siamo abituati a pensare che quando ci arriva qualcosa da mangiare a domicilio è comunque una porcata.

L’ultima moda romana ha sovvertito tutti gli equilibri, infatti ora non fa più tendenza ordinare gli huramaki o McDonald’s, ora fa tendenza ordinare a casa la frutta e la verdura.

Infatti, se andare al banco frutta al supermercato è sempre stato da sfigati, adesso lo è pure andare al mercato rionale con l’amico bangla che c’ha “la roba bona”. Su Instagram non ci sono più Stories con l’amico Alì del mercato di Ponte Milvio, ma foto di scatoloni di frutta e verdura davanti alla porta, che si chiamano “box” e che hanno un packaging così trendy che sembra ci sia dentro un vestito di Gucci.

I brand che hanno deciso di buttarsi sulla nuova tendenza sono tanti, il più “in”, che va molto a Roma nord, si chiama Ortelia, per capirci quello che ha il logo con una carota.

Insomma, come le birre artigianali, il cbd, Stranger Things e gli yo-yo, adesso è il momento della frutta e verdura a domicilio. Peraltro anche a prezzi ottimi visto che con 15 euro a settimana ti arriva una box di frutta e verdura di qualità che fai fatica a finire, senza perdere tempo e anni di vita nel traffico e a cercare parcheggio per andare al mercato.

A New York va alla grande da anni, a Milano è arrivata più recentemente e sta spopolando. Roma arriva tardi ma arriva sempre.

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.