Hot

La nostra esperienza con Prime Gourmet, magni bene e spendi poco

La nostra esperienza con Prime Gourmet, magni bene e spendi poco

Qualche tempo fa scrivemmo un articolo su Prime Gourmet, un libretto di coupon che ti da sconti in 100 tra i migliori ristoranti di Roma, superiore in servizio e qualità rispetto al vecchio The Fork. All’epoca volemmo scriverne perché ci piaceva, oltre al fatto che fosse romano, l’innovatività dell’idea. Ma ancora non lo avevamo provato. 

Dopo averne scritto ci hanno contattato per regalarcelo e Prime Gourmet c’è arrivato a casa. L’abbiamo usato e volevamo raccontare la nostra esperienza.

Come prima cosa abbiamo voluto testare la cena intima, e tra i ristoranti presenti siamo andati a fare una cena a due in un ristorante fusion, giapponese e brasiliano, Manioka a viale Aventino.

Il posto è carino e confortevole, una specie di Temakinho ma meno affollato. Ci siamo abboffati di sushi fusion e abbiamo pasteggiato con delle ottime caipirinhe con la cacaca originale brasiliana. A fine cena abbiamo chiesto il conto, presentando il coupon con lo sconto del 20%. Risultato, da 90 euro di conto iniziale ne abbiamo pagati solo 72. In pratica abbiamo pagato una cena ad un ottimo fusion come una cena in un qualsiasi all you can eat.

Ma non ci bastava, volevamo testare in tutti i tipi di serate. E così abbiamo convocato un po’ di amici e siamo andati a farci una mangiata internazionale da Sapori del Mondo, un posto che chi non conosce si sbalordirà della sua esistenza. Praticamente paghi 29 euro a testa e mangi e bevi tutti quello che vuoi, da cucine di tutto il mondo. Questa cosa assurda succede all’hotel A.Roma ai Colli Portuensi. 

Dopo aver mangiato così tanto da sentirsi male arriva il momento cruciale, quanto conviene comprarsi Prime Gourmet a 29 euro e 90? Aspettavamo il conto con la stessa enfasi di quando Borghese aspetta il conto in uno dei “Quattro ristoranti”, Alla fine il cameriere arriva e ci consegna lo scontrino con un numero iniziale di 239 e 20 centesimi. Eravamo in 8. Con il coupon scendevano a 191,36. Quasi 50 euro di sconto. Eravamo pronti a mettere 30 euro a testa e invece ne abbiamo messi meno di 24. Con i 50 euro risparmiati non ci siamo fatti mancare niente e abbiamo voluto continuare la serata in un locale a bere un drink.

Per l’ultimo test volevamo alzare l’asticella e rendere la prova ancora più difficile. Ci siamo voluti fare un pranzo a 4, due coppie, in uno dei capisaldi della buona cucina a Roma. Secondo Tradizione a Cipro. Il tempio dei salumi e dei formaggi, ma anche della tradizione romana.

Iniziamo con taglieri di salumi e formaggi di cui non abbiamo mai sentito il nome ma il cui sapore non ci scorderemo mai, bagnati da vini eccellenti e anche cari. Poi ognuno si butta su qualche cosa di diverso, dai primi della tradizione romana ai secondo classici, fino al pesce. E si continua a bere buon vino rosso.

A fine pranzo, prima di una pennica che la metà basta, chiediamo il conto presentando il coupon di Prime Gourmet. Totale, ben 48 euro risparmiati. Infatti il conto era di 240, giustissimi 60 euro a testa per quello che abbiamo mangiato e bevuto, ma con il 20% è sceso a 192, 48 a testa. 

Beh, che dire, quando ne scrivemmo avevamo voglia di provarlo sia per testare la qualità dei ristoranti e sia per capire quanto effettivamente si risparmiava. E diremmo che la prova è perfettamente superata, siamo andati in 3 posti diversi, a mangiare dall’ottimo fusion ad aver provato tutte le cucine del mondo fino alle degustazioni di salumi e formaggi, e tutte e tre i posti erano superlativi. Inoltre solo con 3 coupon dei 100 che ci sono nel libretto, abbiamo risparmiato più di 130 euro. Considerando che ce l’hanno regalato, ci hanno praticamente regalato un libretto di assegni. Ma anche se l’avessimo pagato 29,90 avremmo già ripreso largamente i soldi. Insomma confermiamo, come si dice a Roma: Prime Gourmet è “na svorta”.

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.