Connect with us

Roma

Presi i due aggressori del Qube, sono due fratelli

Finisce la caccia all’uomo e finisce perché si sono costituiti. I due ricercati per l’aggressione del Qube, quella del video virale della macchina che cerca di investire i buttafuori all’entrata della discoteca di Portonaccio.

Si sono costituiti dopo 10 giorni di latitanza i due ragazzi. Repubblica scrive che si tratta di due fratelli, Gabriele e Danilo Briscese, 30 e 27 anni, con precedenti penali. Sono stati arrestati poche ore fa per tentato omicidio in concorso, aggravato dall’odio razziale.

I due qualche giorno fa, queste le ricostruzioni dei testimoni, iniziarono a insultare gli operatori di sicurezza, due uomini senegalesi, uno di 29 e l’altro di 39 anni. “Siete dei negri di merda”, gridavano. Ed erano poi stati allontanati dal locale. Poco dopo “I due sono andati a prendere la macchina – prosegue il testimone a Repubblica – una Mercedes classe B nera, sono venuti verso il locale procedendo contromano e a tutta velocità hanno colpito 2 grandi vasi messi a tutela del locale e le transenne”.

I due buttafuori potevano avere conseguenze ben più gravi ma se la sono cavata con poco. Uno dei 2 è stato portato al San Camillo in ambulanza ed è stato dimesso con 35 punti di sutura alla gamba. L’altro di 39 anni ha avuto 17 punti sopra l’occhio ed è stato ricoverato per 24 ore per trauma cranico.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Svelato il mistero dei cartelli “Cercasi scambisti”

Roma

A Roma ci si può muovere anche in treno, ma nessuno lo sa

Hot

Connect