Connect with us

Hot

Arriva il nuovo menu di T-Burger, c’è l’hamburger di solo filetto

A Roma ci sono pochi punti fissi: le due squadre romane, il Colosseo, il Papa, le cupole e T-Bone Station. Un progetto romano che è stato a dir poco pionieristico in un settore, quello delle hamburgerie e steak house, che ormai ha preso gran parte del mercato food ma che T-Bone Station ha contribuito a far partire anni e anni fa con il primo ristorante, era il lontano 1996, oggi ancora attivo e di moda, prima a via Crispi in zona piazza di Spagna e l’anno successivo a Corso Francia.

In questi anni, oltre alle varie evoluzioni e all’espansione in tutta Italia, è nato anche una specie di spin-off di T-Bone Station, che sarebbe T-Burger Station. Una versione più frugale di T-Bone Station, stessa qualità, stessa carne, stesso pane, stessa bontà, ma mangiata più velocemente, senza servizio e più economica.

Ormai di T-Burger Station a Roma ce ne sono parecchi, capitanati dall’intramontabile di Piazza Istria che fa venire l’acquolina a tutti gli abitanti del quartiere e i Luissini. 

In questi giorni T-Burger Station ha subito una vera e propria rivoluzione, con un menù tutto nuovo infarcito di golose novità. Innanzitutto da segnalare è l’arrivo del Filetto Burger, avete letto bene, un hamburger di filetto. In poche parole è un panino di pura carne di filetto di manzo 100%, senza nessun tipo di contaminazione da parte di altri tagli di carne, una cosa quasi illegale per quanto è buona (si, l’abbiamo già provata).

Poi arriva anche il Pulled Chicken, una cosa molto più “porca” ugualmente buona, degli sfilacci di pollo glassati alla ormai celebre bbq sauce di T-Bone Station. Se lo mangiate c’è un girone dell’inferno dedicato a voi. Tra le novità c’è anche il Buffalo Burger, una cosa che prima non esisteva e qualcuno doveva inventarla, ci hanno pensato a T-Burger. E’ un burger di pollo con una panatura al sapore di nientepopodimenoche salsa bufalo, la salsa che normalmente viene accostata alle famose Chicken Wings, una salsa piccante a base di burro e tabasco. Il tutto, ovviamente, viene servito fritto. 

Rimarranno, naturalmente, le punte di diamante di T-Burger Station, le Chicken Strips, rigorosamente home made,  le mozzarelle stick e i classici burger che si possono scegliere in home made, black angus e chianina. Insomma, tanti buoni motivi per tornare o riordinare da T-Burger Station.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect