Connect with us

Roma

Giallo ai Parioli, Don Nicola Filippi lascia la parrocchia senza motivo e sparisce nel nulla

A Roma Nord lo conoscono tutti, alcuni perché era il catechista di punta e vice parroco di Santa Chiara, altri perché insegnava religione alla Don Orione, in ultimo tutti i pariolini andavano a sentire le sue messe a San Roberto Bellarmino, a piazza Ungheria.

Adesso Don Nicola Filippi è finito sulle homepage di tutti i giornali online perché protagonista di un vero e proprio giallo.

Don Nicola infatti, tramite una missiva, resa pubblica durante una messa, ha salutato i fedeli parlando di “motivi personali”, rimanendo sul vago sulle sue cause di allontanamento volontario dalla parrocchia dei Parioli.

I più maligni, Dagospia e anche Il Messaggero, indicano una relazione sentimentale con una donna come ragione dell’abbandono della parrocchia. L’altra versione è che Don Nicola sia stato messo da parte dai nuovi poteri forti del Vaticano di questo periodo di rivoluzione. D’altra parte Filippi è stato per anni il segretario di Ruini, che da poco ha annunciato di discostarsi dall’attuale gestione della Santa Sede.

I fedeli e collaboratori sentiti sembra dai giornali che abbiano dichiarato di vederlo sfuggente negli ultimi giorni, quasi distratto. Fino a domenica quando la messa non è stata celebrata da lui e alla fine è stata letta la sua lettera d’addio. Da quel momento niente, Don Nicola è sparito nel nulla, non si sa dove sia e non risponde al telefono.

I motivi ancora non si sanno, la certezza è che San Bellarmino sia rimasta senza parroco e Papa Francesco ne dovrà nominare un altro a stretto giro. Intanto ai Parioli non si parla d’altro.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Gap, la gang clandestina che aggiusta Roma illegalmente

Hot

Connect