Connect with us

Hot

Trasformiamo Roma in un bar a cielo aperto come ha fatto Vilnius

Sarebbe il più grande e il più bel locale all’aperto del mondo, l’intera città di Roma. Un sogno forse, o perché no, una proposta concreta.

Leggendo i giornali stamattina ci siamo imbattuti nella proposta del sindaco di Vilnius di donare temporaneamente la concessione moltissimi spazi pubblici in concessione a bar, ristoranti e locali in generale, per contrastare il Coronavirus e trasformare la città in un grande bar a cielo aperto.

Per ora la proposta della sindaca Raggi per Roma è di aumentare del 20% (in alcuni casi un massimo del 35%) lo spazio fuori dei locali così ampliando i tavolini e la capienza dell’esterno. Ma perché non allargarla di più? Facendo della città, per quest’estate, un grande locale all’aperto e favorendo il distanziamento sociale, con il clima che abbiamo sarebbe perfetto, molto più che a Vilnius.

Contenti tutti, noi perché siamo più sicuri, gli imprenditori perché hanno meno perdite, i turisti che si sentono più tutelati e il comune che prende più soldi dai turisti e dai ristoratori.

Niente spazi interni e tavoli distanziati in tutta Roma, o almeno nelle aree di Roma adatte. Chiudendo alcune strade alle macchine per far posto ai tavoli, come sta pensando di fare New York. Concedere gratuitamente spazi pubblici ai proprietari di bar e ristoranti che, però, dovranno rispettare regole ferree igieniche ed estetiche. Noi, come si dice a Roma, “ve la buttiamo lì”.

Photo credit: The Walkman

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect