Connect with us

Roma

A Roma più circoli sportivi ma i romani preferiscono il divano

I dati dicono che nell’ultimo quinquennio il numero di club e circoli nella Capitale (+32%), ma i suoi abitanti preferiscono una vita sedentaria.

I romani non amano praticare sport. Di contro, negli ultimi cinque anni, il numero di circoli e l’offerta di attività sportive sono cresciute del 32% negli ultimi cinque anni. Sono dati sorprendenti che emergono comparando le ultime indagini di Unioncamere, ISTAT e Coni. Tra le metropoli italiane, infatti, Roma si conferma all’ultimo posto in classifica con una spesa per cittadino di circa 2 euro. La prima? Trieste, dove gli abitanti sono disposti a pagare in media fino a 50 euro per della sana attività fisica.

Un trend negativo che alcuni circoli della Capitale stanno cercando di invertire tramite eventi e promozioni destinati alle famiglie e soprattutto ai giovani. Questi ultimi, secondo uno studio firmato dall’ Università di Tor Vergata in collaborazione con US Acli Roma e Asdrc La Biglia, sono costretti a rinunciare allo sport principalmente per motivi economici (40% degli intervistati). 

Tra i fattori determinati per chi invece accede alla pratica sportiva risultano un alto reddito familiare (32,8%) e la vicinanza degli impianti (84%). La situazione non migliora di certo a livello regionale: nel Lazio a praticare sport è soltanto il 25% della popolazione contro l’Italia del Nord dove è invece assai diffuso: il Trentino è la regione con la più alta percentuale di persone che praticano sport (39,1%), seguita da Lombardia (30,4%), Veneto (30,2%) e Friuli (30%).

Ma quali sono gli sport preferiti dai romani? Al primo posto c’è il calcio (18,3%) seguito dal nuoto (11,7%) e dalla pallavolo (10,8%). Troviamo poi danza (5,4%), tennis (5%), pattinaggio (3,8%), rugby (21,1%), ginnastica artistica (1,7%) ed equitazione (1,3%). In termini, invece, di affiliati a una Federazione, sul podio salgono calcio, tennis e atletica leggera come si evince dall’ultimo rapporto del Coni. 

Dall’altro lato della medaglia Roma si conferma una città ricca di investitori e circoli sportivi. Secondo le rilevazioni di Unioncamere, infatti, tra il 2014 e il 2019 il numero di impianti è cresciuto del 32%, passando dai 1.786 di cinque anni fa agli attuali 2.360. Aumentano le piscine insieme alle strutture polivalenti (+145), le palestre (+113) e i club (+67). Anche gli enti sportivi proliferano con 249 strutture in più sul territorio. A livello regionale a guidare la classifica è la Lombardia (oltre 4mila attività) seguita dal Lazio e dall’Emilia-Romagna (poco più di 2mila). In termini di variazione percentuale nei cinque anni considerati, però, al primo posto si colloca il Lazio (+30,4%), seguito dalle Marche (+30,2%) e dal Veneto (+30%). A livello provinciale Roma è davanti a tutti seguita da Milano (quasi 1.500) e Torino che sfiora quota mille.

Eppure “lo sport svolge a livello sociale e familiare perché è proprio nel suo DNA lo spirito di aggregazione, il divertimento e il relax: per questo, accanto alla quotidianità del centro sportivo abbiniamo molti eventi di natura solidale ” ha dichiarato Luigi Barelli, Presidente del Centro Sportivo Villa Flaminia, uno dei circoli top di Roma.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect