Hot

Romanordismi: la settimana bianca

Romanordismi: la settimana bianca

Di Giuseppe Valadier – Emanuele, Ludovica, Paolo e Lavinia sono pronti, si sono dati appuntamento a “piazza Giochi” per partire alla volta dell’unico posto di montagna che conoscono, Cortina d’Ampezzo, dove Paolo ha la casa da tre generazioni.

Emanuele e Ludovica arrivano in taxi perché si parte tutti e 4 con la RS6 del padre di Paolo, che da una settimana non fa altro che dire agli amici che “papà m’ha lasciato l’ammiraglia”. Anzi tutti e 5 visto che con loro c’è anche l’inseparabile Camillo, il bassotto nano chocolate di Lavinia.

Dopo baci, abbracci, formalità e il primo selfie su Instagram si sale in macchina verso il primo immancabile stop: pieno al benzinaio di fiducia, 160 euro, bottiglia di acqua di Nepi e pacchetto di gomme, paga tutto Paolo, anzi il padre di Paolo. Adesso si può partire, via verso l’A1.

Davanti Emanuele e Paolo che parlano del mercato di riparazione del Fantacalcio, dietro Ludovica e Lavinia sparano a zero su tutte le pischelle da piazza Ungheria in su.

Dopo mezzo viaggio a 200 fisso, prima tappa autogrill Cantagallo, per far fare pipì a Camillo e per prendere tutti una Rustichella con una Coca Zero, Lavinia solo verdure perché è diventata vegana. Si prosegue, si esce dall’autostrada dove il papà di Paolo dà un altro contributo al viaggio con il suo Telepass e si arriva nella perla delle Dolomiti, la meta più ambita da Roma nord, ma anche da Cosenza centro e Posillipo. Spenta la macchina davanti casa, Paolo non riesce a tenersela e fa la battuta più sputtanata degli ultimi 30 anni: “Alboreto is nothing”.

Arrivano poco prima di cena, in tempo per darsi una “rinfrescata”, prenotare l’Hotel de la Poste e acchitarsi come se dovessero andare al The Sanctuary. Cenone da 80 euro a testa e poi si striscia la carta “del papi”.

Il giorno dopo Skipass settimanale, che costa quanto lo stipendio mensile di un metalmeccanico di Mirafiori, e parte la vacanza sportiva. Sportiva nel senso che tutti alzano il braccio per fare 25 Stories al giorno, perché stanno più nelle baite a mangiare canederli e bere Radler che sulle piste. Poi classico percorso benessere, aperitivo a La Suite e la sera si va a sperperare i soldi dei genitori nei migliori ristoranti della valle.

E dopo 6 giorni in cui incontrano tutta “la Ponte Milvio che conta”, il sabato tornano a Roma ed escono per un Moscow Mule al Jarro, per incontrare le stesse identiche persone che hanno visto per tutta la settimana bianca.

Comments

comments

you may also want to read

No Commenti

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.