Connect with us

Food&Drink

Per il Financial Times a Roma ci sono due tra le migliori botteghe al mondo

Poco tempo fa il Financial Times se ne è uscito con una classifica delle botteghe alimentari migliori al mondo (che secondo noi si potrebbero anche solo limitare all’Italia) e – non c’avevamo dubbi – nella Capitale ci stanno ben due posti pazzeschi che si sono meritati il titolo.

Lasciate stare quindi New York, Londra e Berlino, e ancora Pisa, Venezia e Milano, perché le prescelte romane sono spaziali: stiamo parlando di Beppe e i suoi formaggi e Roscioli Ristorante Salumeria. La prima al Ghetto Ebraico, l’altra a Campo de’ Fiori, le due botteghe fondono per la prima volta due mondi che condividono l’amore per il buon gusto.

Perché il Financial Times si è innamorato di questi due posti pazzeschi? Del primo sicuramente per la sua storia da romanzo centenaria: Beppe e i suoi formaggi infatti nasce ufficialmente nel 2008 da Beppe Giovale, ma già dal 1600 i suoi antenati producevano formaggi in Val di Susa e nell’alpeggio estivo Col du Petit Mont-Cenis.

E l’esperienza di lunga data oggi si vede tutta: secondo il Financial Times, infatti, “dalle loro capre, pecore e mucche di razza rara si producono decine di formaggi spettacolari tra cui primosale, ricotta e si trovano anche salumi di prima qualità, vino e pasta”.

Poi c’è Roscioli Ristorante Salumeria, bottega storica romana, dove “la selezione di salumi e formaggi, italiani e non, non ha rivali”: una boutique del cibo, dove arrivi a comprare anche il formaggio di yak o lo oscypek. Per il quotidiano inglese “c’è una selezione di vini ricercata e moderna” e “i cibi confezionati, dalle acciughe del Cantabrico e tonno gourmet alle verdure sott’olio ai classici kit di pasta romana sono i migliori”. Un viaggio gastronomico che non si limita ai piatti tipici della Capitale ma si intreccia con tradizioni italiane ed estere.  

E le loro reazioni sono state stupende: soddisfattissimi entrambe le botteghe, Beppe poi ha raccontato che ha dovuto spiegare alla madre con non poca difficoltà che cosa fosse il Financial Times.

Il segreto del loro successo? Per Alessandro di Roscioli l’aggiornamento continuo, per Beppe le relazioni umane.

Photo credit: Michelin

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect