Connect with us

Coolture

Ufficiale, Jeremy Clarkson e’ fuori da Top Gear

Alla fine è successo quello che tutti temevano, e che più di un milione di fan ha cercato di evitare con una poderosa raccolta firme. Il direttore generale della BBC, Tony Hall, ha annunciato che l’emittente non rinnoverà il contratto a Jeremy Clarkson, storico conduttore del programma Top Gear, a causa dell’aggressione a uno dei colleghi lo scorso 4 marzo, mentre giravano una puntata nel North Yorkshire. “Con grande rammarico ho detto a Jeremy Clarkson che la BBC non gli rinnoverà il contratto”, in scadenza a fine mese, si legge nel comunicato ufficiale di Hall. “Non è una decisione che ho preso alla leggera. L’ho presa dopo una molto attenta analisi dei fatti e dopo aver incontrato personalmente sia Jeremy sia Oisin Tymon”, ossia il produttore a cui Clarkson ha tirato un pugno per futili motivi, pare perché non gli aveva fatto trovare un pasto caldo al suo rientro in hotel.

“Dato l’ovvio e molto sincero interesse pubblico, sto rendendo pubblici i risultati dell’indagine” condotta da Ken MacQuarrie. “Non provo nessun piacere nel farlo. Sto rendendo pubblica la vicenda così che la gente possa meglio capire cos’è accaduto. So quanto popolare sia il programma e so che questa decisione dividerà l’opinione pubblica”, dice il direttore principale della BBC introducendo tre considerazioni.

“Primo. La BBC è una chiesa aperta. La nostra forza risiede nella varietà. Abbiamo bisogno di voci diverse e distinte, ma non a tutti i prezzi. Alla BBC devono esserci standard di decenza e rispetto.Non posso legittimare quello che è accaduto in quell’occasione. Un membro dello staff – che è completamente innocente – è andato al pronto soccorso dopo una lite fisica accompagnato da un prolungato abuso verbale. Per me, è stato passato il segno. Non ci può essere una regola per uno e una regola per l’altro dettata dal rango, o dalle relazioni pubbliche o da considerazioni commerciali”.

“Secondo. Tutto questo è stato ovviamente difficile per tutti i coinvolti ma in particolare per Oisin”, l’uomo aggredito da Clarkson. “Voglio che sia chiaro che non ha nessuna colpa per questo incidente. Si è comportato con grande integrità e come senior producer alla BBC continuerà ad avere un importante ruolo nell’azienda in futuro”.

“Terzo. Chiaramente nessuno di noi voleva trovarsi in questa posizione. La decisione non dovrebbe in nessun modo sminuire lo straordinario contributo che Jeremy Clarkson ha dato alla BBC. I sono sempre stato personalmente un grande fan del suo lavoro a Top Gear. Jeremy è un grande talento. Lascerà la BBC la sono sicuro che continuerà a intrattenere, sfidare e divertire il pubblico per molti anni a venire”. La BBC, dunque pare conscia che sta cedendo alle altre reti uno dei suoi frontman migliori.

The show must go on, lo spettacolo deve andare avanti. Come, ancora non si sa. “La BBC adesso deve pensare a come rinnovare Top Gear per il 2016. Sarà una grande sfida e non c’è modo di fingere che non lo sia”, continua Hall. “Ho chiesto a Kim Shillinglaw, responsabile della rete BBC Two, di capire come potremo portarlo avanti al meglio nei prossimi mesi. Le ho anche chiesto di capire come potremo terminare le ultime puntate della serie corrente”.

Intanto Clarkson, che questa mattina aveva bloccato tutte le indiscrezioni di stampa con il tweet “Solo per tenervi aggiornati, io non ho ancora sentito nulla”, non si è ancora espresso sul licenziamento. Però ha cambiato il suo profilo su Twitter con il verbo al passato: “Sono stato il conduttore di Top Gear su BBC2″.

Comments

comments

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ecco tutte le foto rubate ai vip (compresa Emily Ratajkowski)

Junk

I Caraibi a due passi da Roma

Coolture

La voce delle donne crea stanchezza nel cervello degli uomini

Junk

Il dizionario del dialetto romanesco

Hot

Connect